Chi sono

Giovanni Dominoni

Biografia

Giovanni Dominoni nasce a Treviglio, nel 1977, e passa tutta la prima parte della sua vita tra Vignate, un piccolo paese alle porte di Milano, terra di fontanili, creatività e civiltà contadina, e Milano stessa.

Nel 1996 diventa presidente dell’Associazione Culturale Nuova Vignate, che collabora con l’Associazione Culturale Amici di Morterone e Carlo Invernizzi con la sua instancabile ricerca poetica, per organizzare mostre, convegni ed eventi culturali. Durante questa esperienza, Giovanni lavora con grandi artisti e grandi persone, tra le quali Rudi Wach, Mauro Staccioli, Dadamaino, Bruno Querci, Carlo Rivolta, Gavino Ledda, Sergio Milani e molti altri che tralascio solo per brevità.

Dopo essersi laureato in Lingue e Letterature Straniere, con una tesi sull’influenza di Shakespeare sul cinema moderno, con particolare riferimento a Peter Greenaway e il suo  film Prospero’s Books, Giovanni Dominoni inizia la sua odissea nel mondo dei suoi tanti interessi. Lavora o viene comunque coinvolto in varie attività legate all’arte contemporanea, il teatro, la fotografia, il web design, il revenue management, il disegno e la pittura.

Vive a Londra tra il 2010 e il 2011, per poi trasferirsi a Riga, in Lettonia, dove si trova attualmente.

Giovanni viene profondamente influenzato dalla musica di J. S. Bach, dalla filosofia di F. Nietzsche, Husserl e la sua scuola, e dal mondo meta-poetico di Shakespeare. Molto importanti sono anche gli studi sulla mente e sulla coscienza di Edoardo Boncinelli e Oliver Sacks. Lucio Fontana, Piero Manzoni, Enrico Castellani, e artisti dall’attività più recente come Gianni Asdrubali, Nelio Sonego, Bruno Querci, senza dimenticare l’incessante stimolo della ricerca poetica di Carlo Invernizzi, hanno marcato in modo indelebile il suo approccio verso l’arte contemporanea. Queste influenze sono facilmente riconoscibili nel suo lavoro e nella sua vita.


Per domande, curiosità e richieste di ogni sorta, non esitate a contattarmi